Adidas Zx Flux

Sconto Adidas Zx Flux Risparmia fino al 60% di sconto - Risparmia fino al 60% di sconto. Consegna e resi rapidi.

A Londra, e lo sappiamo bene, il calcio è sentito in maniera veramente particolare, La quantità di squadre di livello presenti nella capitale inglese manda in scena “derby” quasi ogni weekend. Uno dei più sentiti è sicuramente il derby del nord tra Arsenal e Tottenham, L’ultimo scontro risale ad inizio novembre, partita finita 1-1 con un autogol ed una rete di Kane su rigore per gli “Spurs”, In attesa del ritorno previsto per aprile, Puma ha creato uno scarpino dedicato a Santi Cazorla, giocatore dalle qualità immense ed emblema del segmento evoTouch dell’azienda tedesca, Questo scarpino riproduce ovviamente i colori dell’Arsenal, condito da dettagli che richiamano adidas zx flux proprio il derby londinese..

Come già anticipato, la scarpa richiama in maniera forte ed evidente i colori dei “Gunners”, con una tomaia rossa ed adidas zx flux il calzino in blu a contrasto, La suola è bianca come il formstripe Puma laterale, sia internamente che esternamente, Le caratteristiche tecniche sono identiche alla evoTouch alla quale siamo abituati, per cui sono i dettagli a fare la differenza: nella parte esterna troviamo il “bollino” Derby Forever, che è presente in tutti gli scarpini Puma di questa collezione, In più troviamo la stampa “North London Derby” sulla parte frontale della tomaia..

Sicuramente un pezzo da collezione, ancora più interessante per chi fosse un sostenitore dei adidas zx flux Gunners e soprattutto un amante del piede vellutato di Santi Cazorla, Le scarpe da calcio Puma evoTouch dedicate a Cazorla sono in vendita su  SoccerHouse24 in serie limitata..

Novembre 2015, qualcosa cambia. Ozil, Rakitic, Pogba ed altri professionisti ricevono uno scarpino da calcio completamente nero, senza lacci. Ecco, da quel giorno è iniziata una nuova fase per adidas, una fase in cui ACE è divenuta protagonista del mercato delle scarpe da calcio. Ma da quel giorno, passando per febbraio 2016 ( prima volta in vendita ), per gli europei col Mercury Pack fino alla ACE17 del Red Limit del dicembre appena trascorso, cosa è veramente cambiato ? Molte delle risposte alle vostre domande sono nel video che paragona le ultime due uscite in ordine di tempo, la ACE17+ PureControl Blue Blast (adesso nei campi) e proprio la Red Limit ACE17+, nome analogo, ma con delle differenze sostanziali.

Conosciamo bene, gli anni Novanta, Li conosce bene chi li ha adidas zx flux vissuti, chi ci è cresciuto dentro, o chi li ha solo sfiorati, studiati nel libri di storia… o negli album di figurine, Li conosciamo bene soprattutto noi tifosi di calcio, appassionati di maglie, e ben sappiamo quanto furono degli anni, stilisticamente parlando, decisamente pazzi ! Se però fossimo ad Hannover, tantopiù nei pressi del Niedersachsenstadion, quel decennio verrebbe ricordato con un grande sorriso stampato in faccia, e riassunto in una maglia che seppur appartenente a pieno titolo alla schizofrenica moda calcistica del tempo, a distanza di un quarto di secolo ha ormai fatto suo il dolce profumo dei ricordi, la struggente bellezza della nostalgia..

Sono infatti trascorsi venticinque anni da quello che rimane l’ultimo, grande successo della locale formazione cittadina, l’Hannover 96. Una squadra che mai è stata davvero grande, eccezion fatta per due titoli nazionali che si perdono tra lo spartiacque della seconda guerra mondiale. Per tutti i tifosi dei Roten l’unico momento di gloria della loro vita, da rimembrare e tramandare fieramente, rimane legato a quel 23 maggio 1992, quando Jörg Kretzschmar e compagni diventarono, foss’anche solo per un giorno, i padroni del mondo.

In quell’anno il club sassone non era poi così diverso da quello dei giorni nostri: oggi come allora una squadra ai margini del calcio tedesco, oggi come allora con il principale e forse unico obiettivo di tornare in Bundesliga, Ma era probabilmente scritto fin da principio nel destino, che la stagione 1991-1992 non sarebbe stata una tra le tante per il fussball, Un’annata storica, a cominciare dall’arrivo in massa dell’Est, dopo la tanto attesa riunificazione tedesca, Una novità che si riverberò anche adidas zx flux nella coppa, finalmente davvero “nazionale”, ai cui nastri di partenza l’Hannover 96 si presentò senza troppe e chissà quali aspettative..

Fatto sta che, forse anche approfittando di questa fase di transizione del calcio teutonico, Michael Lorkowski riuscì a guidare i suoi ragazzi, partita dopo partita, verso un sogno ogni giorno sempre più concreto, Smentendo via via ogni pronostico avverso, con un cammino da outsider i sassoni riscrissero letteralmente la storia, divenendo la prima e tuttora unica squadra non appartenente alla massima serie, capace di sollevare la Coppa di Germania, Un trionfo incredibilmente inaspettato, e ulteriormente nobilitato dalle vittorie thrilling in semifinale e finale, rispettivamente contro le blasonate Werder adidas zx flux Brema e Borussia M’Gladbach, arrivate solo di rigore..



Messaggi Recenti